Nightguide intervista Tommaso cuneo

Nightguide intervista Tommaso cuneo

 Tommaso  Cuneo, uno de i pochi rappresentanti italiani del genere Americana Folk pubblica il  nuovo singolo  Cordelia. Vicino ai rappr esentanti internazionali di questo filone come Wilco, Bob Dylan e Tom Petty, Cuneo ha realizzato un brano dalle atmosfere pop/rock ispirandosi proprio ai mastri del genere.
Il brano, arrangiato con    chitarre   ,   basso  ,  batteria ,  percu ssioni  e organo   elettrico, è stato prodotto e scritto da Tommaso Cuneo e missato da Marcello Daga. Cordelia (nome di fantasia, preso in prestito da un'opera Shakespeariana) è una ragazza che è descritta dall'autore, ma, la canzone è anche una riflessione su come gli incontri che facciamo nella vita possano farci decidere di cambiare o di farci rimanere come siamo, dunque l'incontro con l'altro ci aiuta a conoscerci meglio. Girato prima dell'estate 2017, il videoclip è opera del videomaker Lorenzo Lattanzi. La location principale è il Parco della Caffarella a Roma, area archeologica e naturalistica diventata parco solamente nel 2000. Il video si svolge principalmente nel parco e nella zona di Capannelle, oltre che sulla via Appia Nuova e sulla via Appia Antica. Nelle scene si alternano riprese di esterni con immagini dentro l'abitacolo di un'auto, per rendere l'atmosfera "on the road" tipica del rock.
Cosa ti ha portato a diventare uno dei pochi fautori italiani del genere americana altenative folk?
È un genere che mi piace da tanti anni, in Italia non lo fanno in molti ma pian piano ci saranno. Francesco De Gregori sicuramente è un esponente del genere Americana in Italia, sia per la scrittura che per il sound sempre molto in stile con il genere.
Come nasce questa passione per il genere?
Mi sono sempre piaciuti autori come Bob Dylan o Tom Petty o Neil Young ma poi negli anni ho scoperto che ci sono anche tani giovani che suonano Americana. Tante nuove band o solisti. Tanti ne ho conosciuti quando abitavo a Londra.
Pensi che sia condannato a restare un genere di nicchia per pochi eletti?
No, penso di no, con il web oggi le cose si diffondono più in fretta.
La scelta dell'inglese per i testo è univoca o non escludi anche brani in italiano?
Al momento scrivo in inglese, ma anche l'italiano mi piace. Su YouTube si può sentire un mio brano scritto più di dieci anni fa in italiano, si chiama Luna Rosa.
Dopo il singolo Cordelia cosa hai in cantiere?
Un nuovo album, che uscirà tra qualche mese.
Che tipo di live proponi e in che genre di locali?
Propongo un live acustico nei locali di musica dal vivo, e dove si può suonare con batteria anche un live con una band di vari elementi.
Che ruolo hanno i social nell'economia di un musicista come te?
Li seguo certo, anche se ancora mi piace il cd fisico, sia quando li ascolto che quando li vendo ai concerti.

Articoli correlati

Interviste

Nightguide intervista valeria caliandro

14/01/2018 | valentina-ceccatelli

valeria caliandro, cantautrice pratese, ha presentato il suo secondo disco al capanno 17 di prato proprio ieri sera; la seducente assenza arriva a distanza di anni dal ...

Interviste

Nightguide intervista i kayleth

14/01/2018 | valentina-ceccatelli

I kayleth sono una band di verona, ma suonano come fossero in pieno deserto americano: nati nel 2005 ispirandosi a band come kyuss e monster magnet. Il loro nuovo disco s...

Interviste

Nightguide intervista giorgia d'eraclea ...

13/01/2018 | luigirizzo

“siamo tutti stanchi” è il secondo album di giorgieness pubblicato il 20 ottobre 2017 per woodworm/audioglobe. Con il nuovo disco la cantautrice giorgia d'eraclea a ...

2445150 foto scattate

15587887 messaggi scambiati

1256 utenti online

2001 visitatori online